CORSO ISTRUTTORI DI 1o LIVELLO Discipline DERIVE, TAVOLE A VELA e KITEBOARD

CORSO ISTRUTTORI di 1° LIVELLO

Derive - Tavole a Vela - Kiteboard

bando clicca qui

Laser - Italia Cup - Genova

ajaxmail cv 2


CIRO BASILE (CVB) PRIMO U19 TRA I LASER STANDARD ALL'ITALIA CUP DI GENOVA
MARTINO PETTINI TERZO (CVB) TRA I 4.7 NEGLI U16

Erano 333 i velisti arrivati a Genova per partecipare alla prima tappa dell’Italia Cup 2017, regata nazionale riservata ai Laser, organizzata dallo Yacht Club Italiano in collaborazione con le Società Veliche Genovesi e l’Associazione Italia Classi Laser, sotto l’egida della Federazione Italiana Vela e con il patrocinio della Regione Liguria.
Tra i partecipanti  i giovani atleti del Circolo della Vela Bari che nei tre giorni di prova non si sono risparmiati. Tanto che Ciro Basile, all'esordio in questa classe, ha conquistato il primo posto U19 in classe laser Standard, arrivando quarto tra gli U21 e nono in classifica generale.
Tra i 160 iscritti in classe 4.7 è andato bene Martino Pettini che concluso la tre giorni al 3° posto tra gli U16 e 12° in generale. Sempre tra i 4.7 Ferdinando Conte, classe 2002 come Pettini, ha chiuso al 56° posto dimostrando un costante miglioramento rispetto allo scorso anno.
Risultati importanti per i giovani atleti pugliesi  che hanno affrontato, come tutti gli altri, condizioni di vento non proprio favorevoli con addirittura un blocco delle prove causa burrasca con oltre 35 nodi di vento il secondo giorno e terzo giorno con vento tra i 12 e i 15 nodi e onda alta che ha messo a dura prova numerosi partecipanti.

La prossima tappa dell’Italia Cup 2017 per Laser è in programma a Formia, dal 7 al 9 aprile, con organizzazione del CN Caposele, mentre le successive si svolgeranno a Campione del Garda (19-21 maggio) e Scarlino (9-11 giugno).
Prima di arrivare a Formia, però avremola seconda  regata zonale a Taranto e poi la tappa  dal 16 al 19 marzo al CICO (Campionato italiano classi olimpiche) ad Ostia.

Di seguito tutti i risultati della tappa ligure dell'Italia Cup.
Laser Standard: 1.Nicolò Villa (Circolo Velico Tivano); 2.Zeno Gregorin (SV Cosulich); 3.Lorenzo Dattilo (Tognazzi Marine Village). Primo Under 21 Paolo Giargia (CN Varazze). Primo Under 19 Ciro Basile (CV Bari). Primo Over 35 Marco Roggerone (Circolo Vela Erix).
Laser Radial (donne): 1.Valentina Balbi (Yacht Club Italiano); 2.Joyce Floridia (Fiamme Gialle); 3.Martha Faraguna (Yacht Club Adriaco). Prima Under 19 Elisa Navoni (Fraglia Vela Desenzano); prima Under 21 Carolina Albano (Circolo Vela Muggia).
Laser Radial (uomini): 1.Guido Gallinaro (Fraglia Vela Riva); 2.Alberto Tezza (Fraglia Vela Riva); 3.Federico Tocchi (Circolo Nautico Livorno). Primo Under 19 Guido Gallinaro. Primo Under 17 Riccardo Lister (Club Nautico Pescara). Primo Over 35 Luca Angelini (CN Riva).
Laser 4.7 (donne): 1.Federica Cattarozzi (CV Torbole); 2.Lucia Nicolini (CV Canottieri Intra); 3.Chiara Benini (Fraglia Vela Riva).
Laser 4.7 (donne Under 16): 1.Giulia Schio (Società Canottieri Marsala); 2.Carolina Bagni (Unione Velica Maccagno); 3.Livia Kaptourovitchic (Circolo Tennis e Vela).
Laser 4.7 (uomini): 1.Andrea Crisi (YC Cannigione); 2.Antonio Persico (Reale Yacht Club Savoia); 3.Matteo Paulon (YC Cannigione).
Laser 4.7 (uomini Under 16): 1.Nicolò Nordera (Reale Yacht Club Savoia); 2.Cesare Barabino (YC Olbia); 3.Martino Pettini (CV Bari).

 Alessandra Montemurro

VELA E-VENTO HARKEN 2017 al CUS Bari

VELA E-VENTO HARKEN 2017 IL CUS BARI HA OSPITATO LA PRIMA DELLE SEI TAPPE NAZIONALI SU NAUFRAGI E SICUREZZA IN MARE


Storie di naufragi celebri, che hanno creato i presupposti per nuove soluzioni e tecnologie, drammi e conclusioni positive di avventure in barca a vela. Come e perchè si può rischiare un "naufragio"? E quali sono le regole, le tecniche e gli strumenti per affrontare l'emergenza e risolverla positivamente. Sono stati questi i temi affrontati nel salone del Centro Universitario Sportivo di Bari, nel corso dell’edizione 2017 di il Vela E-Vento organizzato da Harken Italy.
Una sala piena di appassionati di vela e mare, quella che si è presentata agli occhi del presidente del CUS Bari Giuseppe Seccia, che ha accolto con grande soddisfazione la scelta di tenere nel capoluogo pugliese una delle tappe nazionali dell’evento. “Per il CUS- ha detto Seccia - è un grande onore, ospitare anche quest’anno questo una iniziativa a supporto dei nostri armatori. Il nostro centro ha una darsena che ospita 270 posti barca, dare un servizio di formazione e preparazione agli armatori è necessario. Se Dico sempre che il mare va rispettato mai sfidare mai tempo e mare” Se lo scorso anno scorso anno il tema, obbligato, furono le Olimpiadi di Rio 2016, quest'anno invece si è andati sull'onda delle emozioni forti, con un titolo che parla chiaro: Naufragi in regata e sicurezza in mare".
Video, storia dei naufragi famosi e testimonianze operative come la Centrale Operativa della Guardia Costiera con sede a Roma, hanno coinvolto e appassionato i tantissimi presenti. Ospite dell’incontro condotto dal giornalista Fabio Colivicchi, il navigatore Matteo Miceli, che nella sua carriera è appunto stato protagonista di un naufragio durante il suo tentativo di giro del mondo in Class 40. “Oggi la sicurezza – ha spiegato Miceli - è un argomento che va affrontato, non è possibile andare in mare da sprovveduti. Ho fatto un giro del mondo senza scalo, né assistenza, né cibo ed energia, l’unica energia che avevo erano vento, mare e sole, ho percorso i tre capi poi mentre risalivo ho perso il bulbo e la barca si è capovolta, quindi ho dovuto chiedere assistenza. Ma ero preparato ad affrontare un’eventuale naufragio. Con la tecnologia a disposizione non è possibile essere impreparati e non informati specialmente nella vela. Del mare bisogna sempre avere paura e rispetto, è più forte di noi, noi possiamo solo regolare le vele.” Oltre a Miceli ospiti altri velisti che hanno vissuto dal vivo esperienze difficili in mare e che hanno raccontato in diretta le loro vicissitudini.